Obiettivo basse emissioni: da Regione Lombardia 12 milioni di euro

Un bando per sostituire gli impianti termici più inquinanti

Un bando per sostituire gli impianti termici più inquinanti

Con un bando che sarà pubblicato all’inizio del 2022, la Giunta di Regione Lombardia ha disposto 12 milioni di euro per privati, onlus e piccole medie imprese per la sostituzione degli impianti termici civili più inquinanti con impianti a biomassa a basse emissioni.

Un incentivo importante per i cittadini lombardi e che vuole essere una spinta decisiva per far sapere ai più che è possibile adottare sistemi alimentati a biomassa senza contravvenire a ordinanze cittadine e senza contribuire al riscaldamento globale, come fanno le fonti fossili.

I contributi verranno liquidati nel 2023, per dar modo agli utenti di acquisire l’esito della richiesta di contributo relativa al Conto termico. Saranno a rimborso, dietro presentazione degli attestati di spesa.

Inoltre, il contributo regionale verrà riconosciuto solo per gli impianti classificati con 4 o 5 stelle e con valori di polveri sottili (PP) ancora inferiori rispetto alla classe di appartenenza. E quindi non per tutti gli impianti a biomassa incentivati dal Conto termico. Il contributo regionale, che consentirà di coprire fino al 95% i costi per la sostituzione del vecchio impianto, verrà rapportato al valore delle emissioni di polveri sottili, indicato nel certificato ambientale.

Il commento dell’assessore all’Ambiente e Clima

Il commento dell’assessore all’Ambiente e Clima

L’assessore all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo, che ha proposto i criteri di incentivazione, ha così commentato: “Regione Lombardia mette disposizione 12 milioni di euro (all’interno delle risorse per il Bacino Padano) per sostituire gli impianti inquinanti con impianti a biomassa a bassissime emissioni. Sono risorse destinate ai privati, alle onlus e alle piccole medie imprese. Questo dimostra una volta di più l’attenzione della nostra regione per l’ambiente e la qualità dell’aria. In questi anni stiamo agendo in tutti i settori che producono più emissioni. Ed ora ci concentriamo sugli impianti di riscaldamento”.

“Con questa delibera – conclude Cattaneo – cerchiamo di favorire la sostituzione degli impianti più inquinanti. La lotta all’inquinamento dell’aria è uno dei punti prioritari del nostro impegno e questo pacchetto di incentivi consentirà di proseguire nel nostro lavoro”. 

Gli ultimi articoli: