fbpx
Vai al contenuto

Distribuzione del pellet: la guida per individuare le contraffazioni

Da ENplus uno strumento utile per evitare le truffe

Da ENplus uno strumento utile per evitare le truffe

ENplus ha diffuso una rapida guida per individuare le contraffazioni nella distribuzione del pellet in autobotte. La regola generale prevede che solamente le aziende certificate ENplus dotate di un proprio codice di identificazione ENplus possano consegnare in autobotte il pellet sfuso dichiarandolo come certificato.

Affinché la certificazione del pellet sia valida, il Manuale ENplus dispone che tutte le aziende della filiera che entrano in contatto fisico con il pellet sfuso debbano essere certificate e disporre di un proprio codice identificativo da indicare nei documenti di vendita e consegna.

Non è ammesso commercializzare il pellet ENplus utilizzando il codice identificativo dell’azienda che ha rifornito l’azienda che lo vende e distribuisce. Quando questo accade, si configura un utilizzo illecito del marchio ENplus.

L’eccezione alla regola generale

L’eccezione alla regola generale

Quando un’azienda certificata ENplus, mediante un accordo di contoterzismo, si avvale di un’altra azienda non certificata per la consegna in autobotte del proprio pellet, è ammesso l’utilizzo del codice identificativo dell’azienda certificata.

Tuttavia, la vendita del pellet deve essere compiuta dall’azienda certificata e comprovata dai documenti di vendita; mentre l’azienda non certificata che consegna in autobotte non deve mai acquisire la proprietà del pellet e non può venderlo autonomamente. Inoltre, l’autobotte e/o l’azienda che distribuisce in conto terzi deve essere espressamente indicata nei documenti di certificazione ENplus (ad esempio, il certificato) rilasciati in favore dell’azienda certificata che si avvale del servizio di distribuzione.

Si tratta di una situazione che non deve essere confusa con il caso, molto più frequente, in cui l’azienda non certificata vende il pellet avvalendosi del codice identificativo del proprio fornitore, utilizzando il marchio ENplus in modo illecito.

Verifica del codice e delle informazioni aziendali

Verifica del codice e delle informazioni aziendali

Il codice alfanumerico che identifica in modo univoco le aziende certificate ENplus è composto da una sigla Paese (2 lettere) e da un numero compreso tra 001 e 299 per le aziende produttrici di pellet, oppure tra 300 e 899 per le aziende (distributori) che commercializzano materiale approvvigionato da altre aziende certificate.

I rispettivi database sono raggiungibili ai seguenti link:

Inoltre, la ragione sociale e l’indirizzo dell’azienda devono corrispondere al codice assegnato, il certificato deve essere in corso di validità, e deve corrispondere la classe di qualità (A1 o A2), e le attività aziendali devono includere la consegna di pellet sfuso.

Gli ultimi articoli:

Approfondimenti

Come scegliere il pellet?

L’uso quotidiano di un pellet scadente può essere davvero deleterio per le stufe.

Che venga acquistato presso aziende locali o online ci sono dei piccoli trucchetti per individuare il pellet di migliore qualità.

Leggi Tutto